Il mio Approccio Clinico

  • Home
  • Approccio Clinico

Il mio Approccio Clinico

  • articolo a cura della Dott.ssa Liviana Cervio

La Psicoterapia della Gestalt è una psicoterapia fenomenologica, ovvero una psicoterapia dell’esperienza: essa lavora attraverso la relazione secondo il modello dialogico, esimendosi dal fornire interpretazioni e/o ricette di vita standardizzati, e lavorando su consapevolezza e su contatto.

Nella Gestalt è importante il “COME” più che il “cosa”, il focus va sul processo, sul percorso di riattualizzazione di emozioni e cognizioni funzionali in passato ma disfunzionali nel qui e ora. In questo percorso, il terapeuta è colui che accompagna il cliente nell’integrazione delle istanze e nella gestione di emozioni come paura, dolore, rabbia. Il terapeuta e il cliente si scelgono vicendevolmente nella costruzione di una relazione di fiducia in cui si riconoscono entrambi come attori di un dialogo costruito e intenzionale, un dialogo tra due soggetti con pari dignità.

Il terapeuta, nell’assoluta sospensione del giudizio, valorizza l’esperienza dell’altro e ciò che l’altro sente, desidera, pensa, vuole, evita, e, come una pila nelle sue mani, illumina la strada che il cliente può percorrere, con tutte le opzioni di cui non si era accorto, da sperimentare e esplorare in un ambiente sicuro quale il setting terapeutico.

La parola chiave è “esprimere”, accettare il rischio vitale di mostrare a se' e all’altro qualcosa di se stessi e quindi riconoscendosi nella relazione come attori protagonisti affermando “io sono… io sento… io voglio..” invece che il più semplice, ma sterile e senza vie di uscita “tu mi fai sentire…”.

In psicoterapia della gestalt si lavora con il QUI E ORA, il focus è ciò che i vissuti rappresentano nell’attualità della vita della persona. E si lavora con i conflitti interni e le polarità che albergano in ognuno di noi: spesso non riusciamo ad identificarle e a dare loro voce, e quindi si crea un caos interno che produce sofferenza e che non ci permette di identificare vissuti, emozioni e bisogni; quando le polarità trovano voce e dignità il conflitto interno si scioglie in una integrazione funzionale.

Gli elementi di processo principali, all’interno di un approccio integrato, sono i seguenti:

  • la focalizzazione sul “qui ed ora”, su aspetti emozionali, percettivi, mnestici, relativi alle esperienze di contatto con l’ambiente
  • la motivazione ad affrontare il problema
  • la riproduzione delle esperienze, vissute “qui ed ora”, in maniera vivida e pregnante
  • la comunicazione emozionale con sé e con il terapeuta
  • la costruzione progressiva della consapevolezza di sé e della natura del problema
  • l’assunzione di un grado di responsabilità di se stessi che consente di ampliare la propria capacità di scelta.

Questi elementi configurano un percorso individuale, dove il terapeuta è una presenza, con ampio grado di libertà emotiva, che accompagna la persona nel suo percorso di costruzione di conoscenza e di abilità operative. Il nucleo essenziale della competenza terapeutica è rappresentato più dal “saper essere” che dalla padronanza di un repertorio di tecniche, utili, ma secondarie rispetto alle caratteristiche personali. Gli elementi processuali della psicoterapia sono rappresentati dal riconoscimento dei propri sistemi emozionali-motivazionali, dalla loro accettazione ed infine dalla loro espressione. Pertanto l’indice di “qualità della vita” è rappresentato dalla “libertà di accesso” ai propri sistemi emotivi. L’esperienza terapeutica consiste fondamentalmente nella possibilità di incontrare la propria capacità di prendersi cura di sé in senso affettivo. Su questa base è possibile che nasca e cresca anche la capacità di prendersi cura degli altri in termini reali, superando i meccanismi proiettivi e transferali. La postura del terapeuta, differenziata a seconda delle caratteristiche dell’utente, può, sia costruire una “base sicura” per il paziente, che essere un modo di perturbazione dell’equilibrio patologico. Allo psicoterapeuta è richiesta una profonda consapevolezza delle proprie emozioni, e nei confronti del paziente, una capacità di protezione e di confrontazione nell’ambito di una relazione attenta, continua e sintonica.

In sintesi, quindi, l’integrazione tecnica riguarda l’utilizzo di metodiche volte a facilitare lo sviluppo della consapevolezza, della padronanza di Sé, la capacità di scelta e l’assunzione di responsabilità. Di particolare importanza sono le tecniche di focalizzazione emozionale, di espressione emotiva, di narrazione della storia personale con codici diversi (parola, movimento, fantasia, sogno), di espressione attiva di nuovi comportamenti, di supporto e contenimento emotivo, di riflessione emozionale, di validazione emotiva riparativa.

In particolare gli elementi dell’ Integrazione tecnica sono rappresentati da:

  • condivisione di tecniche di varia provenienza nei modelli umanistici e cognitivi, volte ad attivare sistemi funzionali di base quali attenzione, memoria, percezione, affetti, comportamenti manifesti, allo scopo di una focalizzazione emozionale e cognitiva
  • tecniche volte alla Integrazione dei vari livelli dell’esperienza emotiva
  • tecniche di accrescimento dell’attenzione alla propria espressività emotiva
  • tecniche di focalizzazione sul presente
  • tecniche di intensificazione della espressività emotiva
  • tecniche di elaborazione di momenti critici
  • modalità di rappresentazione di episodi della storia personale e di sviluppo della narrazione con codici diversi
  • fantasie guidate
  • una gamma di tecniche di narrazione e di elaborazione dei sogni

Dott.ssa Liviana Cervio
Psicologa Psicoterapeuta - Savona Imperia

 

AMBITI D'INTERVENTO

  • attacchi di panico
  • Disturbi d’ansia
  • Consulenza, sostegno psicologico e psicoterapia
  • Disturbi dell’umore
  • Fobie
  • Difficoltà affettive e relazionali
  • Difficoltà nell’elaborazione di un lutto, separazione, malattia
  • Disturbi del comportamento alimentare
  • Obesità
  • Disturbo post-traumatico da stress 'DPTS'
  • Dolore cronico
  • Cefalee
  • Disturbi di personalità
  • Difficoltà legate alle diverse fasi della vita
  • Problematiche della terza età
  • Sedute di E.M.D.R.
  • Disturbi sessuali
  • Gestione delle emozioni
  • Dipendenze
  • Bourn-out
  • Autostima
  • Tic
  • Tabagismo

Dott.ssa Liviana Cervio - Psicologa Psicoterapeuta a Savona Imperia

c/o Centro Medico Ippocrate (ex-Hadar) - Via Giuseppe Verdi 6, 17021 Alassio (SV)
Piazza Sant'Ambrogio 19, 27029 Vigevano (PV)

Iscritta all’Ordine degli Psicologi della Lombardia n. 7111 dal 29/01/2003
Laurea in Psicologia Sociale dello Sviluppo, Specializzazione in Psicoterapia Gestaltica Integrata, Master in Psicologia Gerontologica
P.I. 01638930097

declino responsabilità | privacy e cookies | codice deontologico

liviana.cervio@libero.it

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Liviana Cervio .
© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.

www.Psicologi-Italia.it